La "nucidda",
regina dei Nebrodi


Nocciole raccolte a mano

Nocciola, delizia
a tutto tondo

Arbusto risalente all’epoca preistorica, il nocciolo si diffuse in Europa dopo l’ultima glaciazione. L’Italia e in particolare la Sicilia ne è oggi una delle principali produttrici al mondo grazie anche alle varietà coltivate sui Nebrodi particolarmente apprezzate per l’equilibrio tra aroma, profumo e consistenza, che si ritrovano intatti, nelle paste di mandorla, nei croccanti e torroni o nei chiccosi, squisita frutta secca ricoperta di cioccolato di diversi gusti, tentazione irresistibile per il palato.

Nocciole
Guarda il video

Un mondo di dolcezze siciliane
si incontra nel nome di Pistì

Piantagione di nocciole

Una terra e un tesoro

È almeno dal 1600 che la nocciola è una fonte di ricchezza per il territorio dei Nebrodi, habitat incontaminato e protetto, ricco di biodiversità. Da sempre il ciclo produttivo della nocciola tonda dei Nebrodi, dall’albero al suo impiego in cucina, è stato custodito dalle donne del posto che ne hanno tutelato i frutti, che si caratterizzano rispetto alle altre varietà italiane e straniere per il sapore più dolce, l’intensità del profumo e le caratteristiche organolettiche ricche in selenio, potassio, omega 3 e 6 e anche vitamina E.

Il triangolo
delle nocciole

E’ nel territorio dei Nebrodi compreso tra Castel’Umberto, Tortorici ed Ucria che è concentrata la produzione di noccioli di alta qualità divisi tra le cultivar Curcia, Carrello, Ghiaria e Minnulare: circa 12,000 ettari che fanno della Sicilia la regione italiana leader nella produzione di questo frutto straordinario la cui raccolta avviene appena raggiunta la piena maturità ovvero tra i mesi di settembre e ottobre quando le nocciole tendono a staccarsi e cadere e le brattee che li avvolgono disseccano. Per poi essere trasformate nelle dolci delizie Pistì.